Archivi del mese: giugno 2012

Un obiettivo adeguato per i tempi di crisi

Il reddito d’esistenza mi sembra l’obbiettivo adeguato in una fase dominata dal capitale finanziario e, conseguentemente, dal debito pubblico e privato. Il capitale finanziario è capitale sociale, rappresenta cioè gli interessi generali del potere economico, sottraendoli alla competizione evidente nel … Continua a leggere

Pubblicato in contributi e discussioni | Contrassegnato , , | 1 commento

25 giugno: una festa da non perdere

E ADESSO FACCIAMO FESTA! Molti sono i motivi per festeggiare…  A oltre un anno dal suo inizio l’Agorà è viva e vegeta e questo è il nostro 12° incontro. È una pratica politica che non assomiglia a niente di già … Continua a leggere

Pubblicato in inviti e organizzazione | 1 commento

Basic income: un’idea pratica(bile)

Penso che il lavoro retribuito (e il suo salario) come mezzo di redistribuzione della ricchezza non funzioni: c’è visibilmente troppa iniquità sia nella distribuzione del lavoro che nella distribuzione del salario. Ritengo quindi che si debba pensare se vi sia … Continua a leggere

Pubblicato in contributi e discussioni | Contrassegnato , , | 1 commento

Non cancelliamo il discorso delle donne sul lavoro

Quando avevo 25/30 anni c’era un’idea che mi frullava per la testa: la pensione bisognava averla da giovani, non da vecchi, così si potevano coltivare in libertà esperienze e conoscenza del mondo negli anni giusti. Sarebbe bastata una modesta pensione, … Continua a leggere

Pubblicato in contributi e discussioni | Contrassegnato , | 3 commenti

Un’idea poco convincente se si concepisce il lavoro come tutto il lavoro necessario per vivere

L’idea del reddito di base incondizonato per me ha l’effetto di un invitante scrollone: chi non ha mai sognato di scrollarsi di dosso in un colpo solo i ricatti padronali e, insieme, le farragini burocratiche di un welfare opaco, clientelare … Continua a leggere

Pubblicato in contributi e discussioni | Contrassegnato , , | 2 commenti

Il basic income come misura di dignità esistenziale

La schiavitù che impedisce il pensiero su sé e sul mondo, oggetto di sperimentazione e di studio di Simone Weil, tipico prodotto dell’imperio fordista, l’ho vista attraverso l’esperienza di persone a me vicine per motivi professionali e politici. Nonostante tutti i … Continua a leggere

Pubblicato in contributi e discussioni | Contrassegnato , , | 1 commento