L’Agorà ricomincia il 14 novembre!

mercoledì 14 novembre 2012

Agorà del lavoro di Milano
&
Primum vivere anche nella crisi:
la sfida femminista nel cuore della politica

Questa enunciazione ha preso felicemente corpo nella presenza e nei racconti delle mille donne riunite a Paestum. L’incontro nazionale di ottobre ha segnato un momento importante e ci ha convinto ancora di più della validità di una pratica come l’Agorà, in cui possiamo tutte insieme esprimere la radicalità del femminismo e darci più forza.

Il cuore del nostro discorso nell’Agorà non è stato mettere il lavoro al centro della nostra vita, farne l’oggetto principale del senso, ma metterci noi come soggetti al centro del discorso politico sul lavoro, per rendere evidente ciò che è sempre stato occultato, illuminare anche il dietro-le-quinte di un contratto sociale modellato sul maschio adulto indipendente. Il monumento novecentesco al lavoro non c’è più e quel lutto non è il nostro: ci prendiamo invece la libertà di appropriarci di quella parola – “lavoro” – e ne ripensiamo radicalmente il senso.

Da Paestum ci viene qualcosa in più. Abbiamo capito che “partire da sé” è come il moto perpetuo, una volta attivato non si ferma più: continua a interrogarsi e costruire nuovo sapere. Due sono i temi affrontati, fondamentali per la nostra Agorà:

il rapporto tra crisi/trasformazioni del lavoro e soggettività: la determinazione di chi nel lavoro vuole continuare a starci senza tradire se stessa; la ribellione delle esistenze precarie che si raccontano e pongono nuove urgenze; l’immaginazione di chi vuole “liberare tutto il lavoro di tutte e tutti, ridefinendone priorità, tempi, modi, oggetti, valore/reddito”; la spinta di chi sa che “la cura non è riducibile solo al lavoro domestico e di accudimento, ma esprime una responsabilità nelle relazioni umane che riguarda tutti”.

l’efficacia politica: si è molto parlato, con approcci diversi che hanno dialogato e anche conflitto, di rappresentanza, autorappresentazione, politica diffusa, contare, governare.

Vogliamo ripartire da qui
per ripensare insieme
un nuovo anno di Agorà
che, a partire dal Primum vivere,
sappia allargare i confini della libertà femminile,
nella vita e nel lavoro.

L’Agorà del lavoro


per incontrarsi ribellarsi progettare

accade a Milano

mercoledì 14 novembre 2012 dalle 18,30 alle 21

Viale D’Annunzio, 15

tram 2 e 14 P.za General Cantore;

3 e 9 P.za 24 Maggio;
metro 2 Sant’Agostino

Questa voce è stata pubblicata in inviti e organizzazione. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...